News
Home » News » Noi umani, Alieni spediti in “rieducazione” sulla TerraNoi umani, Alieni spediti in “rieducazione” sulla Terra

Noi umani, Alieni spediti in “rieducazione” sulla TerraNoi umani, Alieni spediti in “rieducazione” sulla Terra

10386369_1638398279721453_8152990034001069934_n-250x140

Le vacanze messicane viaggiano purtroppo verso la fine e con esse anche una serie di piacevoli letture. Tra le varie cose, mi ha incuriosito un articolo di Metro.co.uk (questo il link) nel quale viene riportata una tesi di tale Ellis Silver, pseudonimo di uno studioso che sostiene di dover usare un nickname per non rischiare di essere bersaglio di fanatici religiosi. Al di là della curiosa circostanza (forse un po’ esagerata, anche se magari avrà le sue ragioni), è interessante quello che dice. Ovvero, state a sentire qui: “Si ritiene che il genere umano sia la specie più sviluppata sul pianeta. Però sembriamo ben poco attrezzati a resistere all’ambiente della Terra: la luce del Sole ci dà fastidio e può anche crearci grossi problemi; non abbiamo una grande confidenza con molte categorie di cibo, soprattutto se si tratta di alimenti allo stato grezzo; abbiamo un sacco di malattie croniche, alcune delle quali perfino ridicole. In più tanti hanno la netta sensazione di non appartenere precisamente a questo tipo di environment, come se dovessero fronteggiare un disagio perpetuo.

 La mia conclusione, dunque, è che noi non siamo nati e sviluppati qui, ma che siamo cresciuti e ci siamo sviluppati in un pianeta diverso. Poi siamo stati trasferiti e trapiantati sulla Terra, come specie comunque sviluppata, perché denotiamo una tendenza alla violenza. La Terra, quindi, è pertanto la nostra prigione e sarà tale fino a quando non dimostreremo di aver imparato a comportarci bene (il che non pare una cosa imminente)”. Quindi: cerchiamo gli Alieni, ma in fondo gli Alieni siamo (anche) noi. O meglio: siamo la pecora nera del cosmo, schiaffata in una sorta di kinderheim da esseri migliori che, rispetto a noi, avrebbero una maggiore sintonia con gli equilibri dell’universo. Tesi interessante, che rettifica anche il concetto secondo cui saremmo il risultato del lavoro di ingegneri che ci hanno creato e portato qui (come racconta Ridley Scott in Prometheus): magari gli ingegneri ci hanno fatto veramente, ma da un’altra parte. Ed essendo cattivelli, ci hanno spedito altrove ad imparare le buone creanze… (che evidentemente non sono riusciti a inculcarci).

Post scriptum – Nota di cronaca doverosa, in attesa di scrivere una mia riflessione su Palenque: dalle parti di Tijuana e San Diego, dunque nella zona di confine con gli Usa nel lato californiano, sabato scorso è stata avvistata una strana luce blu che ha “acceso” l’Oceano Pacifico. La Marina Usa – se volete leggere, tutto si trova a questo link – si è affrettata a dire che si è trattato del lancio di prova di un missile da un sommergibile. In effetti, a giudicare da molte immagini, parrebbe proprio così; ma il fenomeno è stato visto contemporaneamente pure in Arizona e in Colorado e questo, allora, è un po’ più difficile da spiegare.

Fonte: http://misterobufo.corriere.it/2015/11/12/noi-umani-alieni-spediti-in-rieducazione-sulla-terra/

Loading Facebook Comments ...

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*